Federico Giusti

Dicono che c’è un tempo per seminare
e uno che hai voglia ad aspettare
un tempo sognato che viene di notte
e un altro di giorno teso
come un lino a sventolare.

C’è un tempo negato e uno segreto
un tempo distante che è roba degli altri
un momento che era meglio partire 
e quella volta che noi due era meglio parlarci. 

C’è un tempo perfetto per fare silenzio
guardare il passaggio del sole d’estate
e saper raccontare ai nostri bambini quando 
è l’ora muta delle fate. 

C’è un giorno che ci siamo perduti 
come smarrire un anello in un prato 
e c’era tutto un programma futuro 
che non abbiamo avverato. 

È tempo che sfugge, niente paura
che prima o poi ci riprende
perché c’è tempo, c’è tempo c’è tempo, c’è tempo
per questo mare infinito di gente.

Dio, è proprio tanto che piove
e da un anno non torno

View original post 171 altre parole